Come previsto prosegue la serie di accordi a livello associativo tra le ooss e le associazioni di rappresentanza dei datori di lavoro finalizzati a rendere operativa l opportunità di welfarizzare i premi di risultato anche nelle aziende prive di rappresentanze sindacali interne sulla strada inaugurata dall accordo confindustria  – cisl Cgil U il dello scorso 15 luglio.

Dal sole 24 ore di oggi…

Lo scorso 26 luglio Confapi con Cgil, Cisl e Uil hanno sottoscritto tre importanti accordi per disciplinare le materie di seguito riportate in estrema sintesi.
Detassazione e premi di produttività 

La detassazione dei premi di produttività aziendale viene rivisitata alla luce delle disposizioni introdotte dall’agenzia delle Entrate con la circolare n. 28/E del 15 giugno 2016; le parti hanno quindi definito il testo di un accordo quadro territoriale, che assume carattere cedevole rispetto ad eventuali intese aziendali o pluriaziendali già in essere.
Rappresentanza OO.SS. 

Sono state valutate le principali criticità legate alla rappresentanza e rappresentatività delle organizzazioni sindacali, e in uno specifico accordo interconfederale sono stati definiti 

– i criteri per misurare e certificare la rappresentanza ai fini del Ccnl;

– gli aspetti di gestione e regolamentazione delle Rsa;

– titolarità ed efficacia della contrattazione a tutti i livelli, quindi nazionale, territoriale ed aziendale.
Relazioni industriali 

È stato condiviso attraverso la stipula di uno specifico accordo interconfederale, che sia necessario avviare una riqualificazione del sistema di relazioni industriali in modo tale da creare uno strumento innovativo e moderno, anche valorizzando il patrimonio di esperienze già maturato tra le parti. 

Viene quindi impostato un modello contrattuale che tiene conto dei diversi livelli della contrattazione, con le specificità di ciascuna; viene affrontata la disciplina degli orari flessibili, unitamente all’utilizzo del welfare contrattuale quale strumento idoneo a permettere una maggiore conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Recependo quindi la nuova disciplina contenuta nel Dlgs n. 81/2015, vengono rivisitate le diverse tipologie di rapporto di lavoro e vengono ridefiniti nuovi criteri per rafforzare il sistema della bilateralità.

Follow me!

Rispondi